Viaggiare all’estero: quali sono le vaccinazioni da fare?

Viaggiare all’estero: quali sono le vaccinazioni obbligatorie da fare prima della partenza? Facciamo chiarezza

Viaggiare all'estero
Vaccinazione (Canva) GRAZIA MAGAZINE.IT

Organizzare una vacanza all’estero consente senza dubbio di esplorare nuovi ambienti, nuove persone e nuovi contesti: ragion per cui questo può comportare anche il rischio di contrarre delle malattie che ad esempio in Italia sono sparite da diverso tempo. Questo è il mese delle partenze e proprio per questo motivo vogliamo fornirvi delle linee guida per una partenza intelligente e soprattutto per rimanere sempre aggiornato su tutte quelle che sono le misure igienico e sanitarie da non sottovalutare.

E ovviamente il tutto dipende dal proprio quadro clinico, così come dal paese che si sceglie di visitare e dalla permanenza. Si consiglia vivamente di procedere in anticipo e di avviare le procedure burocratiche nei mesi precedenti al viaggio (nello specifico circa 3/6 mesi). Dunque analizziamo quelle che devono essere le vaccinazioni obbligatorie e raccomandate: le prime da non trascurare sono quelle relative al tetano, alla difterite, alla pertosse e all’epatite B.

Viaggiare all’estero comporta una serie di vaccinazioni necessarie, ecco quali sono 

Come organizzare le vacanze all'estero
Travel Kit (Canva) GRAZIA MAGAZINE.IT

Ad esempio il vaccino di cui abbiamo parlato in precedenza deve essere effettuato ogni 10 anni; stesso discorso vale anche per il morbillo e l’epatite B. Questi vanno svolti specialmente se si intraprende un viaggio alla volta dell’Africa e dell’Asia. Altri vaccini da considerarsi necessari sono quelli dell’epatite A, della febbre gialla, delle meningite, la rabbia e l’encefalite da zecche. Rispettivamente la prima è obbligatoria per tutti coloro i quali desiderano intraprendere un viaggio in Medioriente e nel Sudamerica; mentre l’encefalite giapponese è riservata ai turisti che si recheranno in Asia. 

Un aspetto molto importante del vaccino contro la febbre gialla e che deve essere fatto con almeno 10 giorni di anticipo ed è valido per tutta la vita: in Sudamerica, così come nei paesi dell’Africa centrale viene richiesto all’aeroporto per poter accedere nello Stato. Asia, America Latina e Africa prevedono anche quello per l’antirabbica e per la meningite nelle sue diverse forme. 

È stato sottolineato che un aspetto molto importante riguarda anche le norme igieniche: proprio per questo motivo si consiglia caldamente di bere solo acqua in bottiglia, da adoperare anche per il lavaggio dei denti. Si sconsiglia il ghiaccio, di consumare verdure crude, così come carne e pesce. Molto importante anche un giusto abbigliamento che non lasci molte parti del corpo scoperte e si raccomanda di adoperare repellenti anti zanzare. 

Come tutelarsi all'estero
Vaccino (Canva) GRAZIA MAGAZINE.IT

In ultimo, ma non per importanza, valutare il proprio quadro clinico prima della partenza e portare con sé sempre una scorta di medicinali come paracetamolo, ibuprofene e antistaminico.

Impostazioni privacy