Patatine fritte avanzate, in realtà si possono riutilizzare: il procedimento

Non è una cosa comune, ma può capitare che le patatine fritte avanzino e in quel caso, per non buttarle via, si può preparare questa ricetta di recupero.

riutilizzare patatine fritte avanzate
Patatine fritte (Canva) GRAZIA MAGAZINE.IT

Quando prepariamo le patatine fritte non sappiamo darci un limite ed in effetti è difficile che queste non finiscano. Può capitare però che se ne preparino davvero troppe o che, magari, qualcuno degli ospiti non ne mangi: che fare a quel punto?

Le patatine fritte, come la maggior parte degli alimenti fritti, sono buoni quando appena caldi hanno quella consistenza croccante che tanto ci piace, ma una volta diventate fredde perdono questa consistenza e anche un po’ di sapore. Puntualmente se avanzano si finisce per buttarle, il che è un peccato. Buttiamo via le patatine fritte avanzate perché pensiamo che non possano essere riutilizzate e, invece, c’è una ricetta di recupero anche per loro.

La ricetta di recupero perfetta per le patatine fritte avanzate

quante uova per frittata
Uova sbattute (Canva) GRAZIA MAGAZINE.IT

La ricetta di recupero migliore per le patatine fritte avanzate è quella della frittata di patate. Stiamo parlando di un grande classico in questo senso, uno di quei secondi piatti che mette d’accordo sempre tutta la famiglia e che, se preparato con le patate, è ancora più apprezzato.

La sua realizzazione è semplicissima e, tanto più che parliamo di una ricetta rivolta ad riutilizzare degli avanzi di cibo, anche velocissima. Per realizzarla non si dovrà far altro che sbattere le uova in una terrina – la quantità delle uova varia ovviamente a seconda delle persone che dovranno mangiare, ma comunque l’indicazione è di usare 2 uova a persona -.

Quindi aggiungere un pizzico di sale e pepe, una bella mangiata di parmigiano e amalgamare bene il tutto. A questo punto, prendete le patatine fritte avanzate e spezzettatele grossolanamente, quando ne avrete ricavato dei dadini di varia grandezza, è il momento di aggiungerle all’impasto della frittata.

Non resta che oliare leggermente una padella e lasciar cuocere la frittata circa 5 minuti per lato o comunque fino a quando non risulterà bella dorata e leggermente croccantina.

frittata di patate ricetta
Frittata di patate classica (Canva) GRAZIA MAGAZINE.IT

Et voilà, essendo le patate già cotte in precedenza non avrete bisogno di sbollentarle, per cui la ricetta risulta velocissima permettendovi, nel giro di pochi minuti, di realizzare un secondo piatto delizioso che piacerà a tutti. Senza contare che così facendo avrete anche evitato di sprecare le patatine fritte avanzate che sarebbero finite nella pattumiera.

Impostazioni privacy