Omicidio Michelle, i risultati dell’autopsia: “Lasciata agonizzante, ha cercato di difendersi”

Omicidio Michelle Causo, i risultati dell’autopsia: “Lasciata agonizzante, ha cercato di difendersi”. Ecco quando accaduto

Michelle Causo, omicidio Primavalle
Michelle Causo (Instagram) – GRAZIA MAGAZINE.IT

Quanto accaduto a Michelle Causo è davvero inspiegabile, rientrando di diritto nelle pagine di cronaca nera del nostro paese. Il corpo della minorenne è stato rinvenuto lo scorso 28 giugno nei pressi di alcuni bidoni dell’immondizia del quartiere Primavalle di Roma. Sono stati proprio dei passanti ad allertare gli organi competenti di quanto appena visto. 

Michelle è una diciassettenne come tutte le altre: va a scuola, ha un fidanzato e ha degli amici. Arrestato per l’omicidio proprio quello che doveva essere un amico, un coetaneo e compagno di scuola originario dello Sri Lanka: il ragazzo è accusato di aver assassinato l’amica all’interno della sua abitazione e successivamente di aver occultato il cadavere. 

Omicidio Michelle Causo, ha cercato di difendersi durante la colluttazione: i risultati dell’autopsia 

Le colpi di fendenti sul corpo di Michelle
Michelle Causo (Instagram) – GRAZIA MAGAZINE.IT

Sulla ragazza è stato predisposto l’esame autoptico che ha rilevato la presenza di almeno sei coltellate. Richiesto e necessario un controllo anche dei telefoni cellulari non solo della vittima, ma anche del coetaneo omicida. All’interno di quest’ultimo sono state evidenziate telefonate con altre persone poco prima di compiere il delitto. Sono ancora tanti i dubbi circa il movente: il ragazzo avrebbe affermato che Michelle aveva un debito di circa 30 euro per l’acquisto di droga

Attualmente sono in corso le indagini e si cerca di capire quale fosse effettivamente il rapporto tra i due diciassettenni: sembrerebbe, infatti, che il giovane nutrisse un sentimento nei confronti di Michelle; sentimento però mai corrisposto. Queste sono state le parole del padre della vittima. Il sospetto dei genitori della Causo è che l’omicidio fosse premeditato. “Lui l’ha chiamata al telefono due volte mercoledì” – la loro testimonianza. 

Inoltre secondo l’esame autoptico, nel corso dell’aggressione la ragazza avrebbe tentato il tutto per tutto per difendersi e dagli elementi emerso che la ragazza sia stata lasciata agonizzante. Terribili anche le testimonianze raccolte sul luogo dell’omicidio: una vicina sostiene di aver incontrato il giovane sulle scale e che avesse dietro un sacco nero davvero molto ingombrante. Lo stesso sacco ritrovato nei limitrofi secchi di immondizia. Lutto e sconcerto nel quartiere che organizzerà anche una manifestazione di solidarietà in ricordo della giovane Michelle. 

Primavalle, manifestazione
Manifestazione per Michelle (Instagram) – GRAZIA MAGAZINE.IT

I funerali saranno svolti il 5 luglio nella chiesa di Primavalle, dove aderiranno anche molti esponenti politici di Roma per l’ultimo saluto a Michelle.

Impostazioni privacy