Maturità, iniziano le prove scritte. Il primo anno post covid: cosa è cambiato?

E’ arrivato anche quest’anno il temuto momento che vede migliaia di studenti tra i banchi per l’ultima prova d’esame. Stavolta non c’è il Covid da combattere, cambiando nuovamente lo schema delle regole.

Anche in questo 2023 sono molti gli studenti che svolgono l'esame di maturità
Migliaia di studenti alle prese con l’esame di maturità 2023 (Canva) – GRAZIAMAGAZINE.IT

Nuovo anno, nuovo esame di maturità. Considerato il test di prova più importante che segna la fine del ciclo scolastico e di crescita degli studenti, ogni anno non manca mai di suscitare curiosità e di far tornare tutti un po’ più giovani, anche se l’età della maturità è passata da un pezzo. Anche in questo 2023 non sono mancati i rumors della notte prima degli esami e sui social in molti si sono affannati ad accaparrarsi le probabili tracce della prima prova di italiano.

Questa mattina la campanella è suonata per 536.008 studenti, come segnalato dall’Ansa, che si sono ritrovati davanti a delle scelte molto attuali e alcune di omaggio, come nel caso di Piero Angela, scomparso lo scorso 13 agosto 2022, con un brano tratto dal suo libro Dieci cose che ho imparato appartenente alla traccia dell’ambito scientifico. Le altre sei, comuni a tutti gli indirizzi, vedono l’ambito artistico-letterario, storico, filosofico, tecnologico, economico e sociale con due analisi del testo, tre di tipo argomentativo e due temi di attualità. Ma quest’anno c’è un quid in più.

Le tracce e le nuove regole: l’esame di Maturità nel 2023

Cosa cambia nell'esame di maturità 2023
Tutti i cambiamenti post-Covid dell’esame di maturità 2023 (Canva) – GRAZIAMAGAZINE.IT

Quando nel 2020 il nostro Paese e il mondo intero sono stati investiti dalla pandemia da Coronavirus, molti aspetti e abitudini della nostra quotidianità sono cambiati. Uno dei settori che ha risentito particolarmente di questi mutamenti è la scuola che tra mascherine, didattica a distanza e nuove regole ha dovuto fare i conti con una realtà lontana dal contatto costante con insegnanti e compagni di classe. Ma quest’anno sembra che anche la scuola si sia lasciata alle spalle quel brutto periodo.

La prova tangibile è stato l’esame di Stato che è ritornato a svolgersi com’era prima dell’avvento del Covid-19, ovvero con due prove scritte nazionali (in alcuni casi anche tre) e una prova orale. Quest’ultima, però, non sarà un’interrogazione classica ma, come ha spiegato il ministro dell’Istruzione Giuseppe Valditara, una prova di ragionamento volta a valorizzare la capacità di analisi e di collegamento tra gli argomenti di tutte le materie.

Inoltre, ritorna alla formula pre-Covid anche la commissione d’esame. Quest’anno le commissioni d’esame sono miste, composte da un presidente di commissione esterno, tre membri esterni e tre membri interni. Altro ritorno alla tradizione pre-pandemia riguarda la valutazione che prevede un punteggio massimo di 100 punti, un credito scolastico di massimo 40 punti, 20 punti per il primo scritto, 20 per il secondo e 20 per il colloquio. In più, cinque punti bonus che potrebbero essere cari a molti studenti per raggiungere la cifra tonda.

Commissione mista, due prove scritta e una orale: le regole post-Covid
Commissione, prove e tracce: tutto sulla maturità 2023 (Canva) – GRAZIAMAGAZINE.IT

Oriana Fallaci, Alberto Moravia, Salvatore Quasimodo e un testo di Marco Belpoliti, Elogio dell’attesa nell’era di Whatsapp, sono stati gli altri protagonisti delle tracce della prima prova di italiano. Domani, per la seconda prova scritta, ci saranno le materie di indirizzo e infine i colloqui che vedranno così completare anche questo nuovo anno di maturità.

Impostazioni privacy