Iniziano i saldi: le date in Italia e tutto quello che c’è da sapere

Via libera agli sconti più attesi d’Italia. Dove fare shopping e come scovare le occasioni imperdibili: tutte le informazioni sui saldi estivi 2023.

shopping abbigliamento,, scarpe e accessori
Quando iniziano i saldi e le nuove regole (Canva) – GRAZIAMAGAZINE.IT

Aria d’estate, tempo di saldi. I ribassi della bella stagione sono i più attesi nel nostro Paese, quest’anno in particolare. La crisi economica e il caro-vita hanno infatti accelerato il processo di ricerca del risparmio per persone e famiglie, approfittando degli sconti per trovare l’occasione da non farsi sfuggire. Come ogni anno, anche per questo 2023 Confesercenti ha snocciolato i dati e le informazioni utili da tenere presente per i saldi estivi. Secondo il recente sondaggio condotto da Ipsos per conto di Confesercenti, oltre il 61 % degli italiani, ovvero 6 italiani su 10, prevede di acquistare almeno un capo di abbigliamento o un prodotto di calzature e accessori. Ma la restante parte, almeno il 30 %, si affida all’offerta giusta prima di mettere mano al portafoglio.

Ma ad influenzare le spese dei consumatori ci pensa anche il clima. La primavera 2023 non è certo stata brillante, dato che le temperature erano basse fino a due mesi fa e il caldo ha subito aperto le sue porte senza dare una tregua di mezzo. Sempre secondo i dati riportati da Confesercenti, il 38 % degli italiani ha acquistato molto di meno nel periodo primaverile attendendo con particolare aspettativa i saldi dell’estate. Quest’anno, infatti, c’è una novità che invoglia i consumatori a prendere parte alle offerte stagionali: l’iniziativa ‘Saldi trasparenti’, che vede nuove regole del Codice del consumo. Vediamo insieme le date e le informazioni utili per ogni regione.

Arriva la stagione degli sconti: le nuove regole

saldi dal 6 luglio fino al 30-31 agosto
I saldi 2023 regione per regione (Canva) – GRAZIAMAGAZINE.IT

Giovedì 6 luglio. E’ questa la data di inizio dei saldi estivi nella maggior parte delle regioni italiane, escluse le province autonome di Trento e Bolzano. Nella provincia autonoma di Bolzano, infatti, i saldi iniziano il 18 agosto e terminano il 15 settembre nei comuni turistici, mentre nel resto dei comuni aprono le danze degli sconti il 14 luglio fino all’11 agosto. Per il resto d’Italia la partenza è fissata per il 6 luglio con data di termine tra il 30 e il 31 agosto 2023, ma ci sono alcune regioni che hanno una finestra temporale differente. E’ il caso del Lazio e della Liguria; dove terminano il 16 agosto, in Basilicata invece il 2 settembre. Chi va più lungo invece sono Puglia e Sicilia che arrivano al 15 settembre e infine Valle d’Aosta e Friuli Venezia Giulia dove i saldi terminano il 30 settembre.

Prima di immergersi nel nuovo regolamento dei saldi, la domanda a cui Confesercenti ha cercato di rispondere è quanto è il budget imposto da ogni persona. I consumatori che hanno volontà di acquistare hanno fissato un cifra di circa 227 euro a testa, “anche se oltre un terzo di chi vuole comprare in saldo prevede di spendere meno di 100 euro (24,9% meno di 100 euro, 9,2% fino a 50 euro), mentre solo il 14,1% spenderà più di 300 euro (il 10,3% tra i 300 ed i 500, il 3,8% oltre 500 euro)”. E quale sarà la regione che spenderà di più? Secondo le previsioni le famiglie del Centro saranno quelle che investiranno di più nei saldi con una spesa di circa 253 euro a testa. I negozi, dunque, si sono già armati delle nuove regole a cui sono tenuti ad aderire e ad attenersi per far fronte agli assalti e rendere migliore lo shopping.

Principalmente il nuovo Codice prevede prezzi e sconti trasparenti: 1) il prezzo di partenza è evidenziato in chiaro, ed è quello più basso praticato negli ultimi 30 giorni; 2) il pagamento può essere effettuato in contanti (fino al limite di 5.000 euro), o con carta di debito o credito; 3) i prodotti in saldo appartengono tutti a stock relativi alla stagione in corso; 4) i prodotti in vendita rispondono alle norme in materia di etichettatura di cui al “Codice del consumo” (D. Lgs. n. 206/2005) con indicazione dell’identità e degli estremi del produttore; 5) le merci in vendita rispondono alle norme sulla denominazione delle fibre e sull’etichettatura di cui al Regolamento CE n. 1007/2011; 6) in caso di prodotto che presenti difetti verrà sempre sostituito, previa presentazione della prova d’acquisto, altrimenti verrà consegnato un voucher di valore pari all’importo pagato, spendibile entro un anno dall’acquisto; 7) il capo può essere sostituito in tutti gli altri casi entro i 15 giorni successivi all’acquisto, sempre con la presentazione di scontrino anche durante il periodo dei saldi. Se non c’è disponibilità di capi, verrà consegnato un voucher di valore pari all’importo pagato spendibile entro un anno dall’acquisto.

cambio capo o voucher
Cosa acquistare in saldo e tutte le info utili (Pixabay) – GRAZIAMAGAZINE.IT

Centri commerciali, outlet e negozi sono tutti i punti vendita dove poter recarsi per fare lo shopping estivo e trovare prezzi stracciati. Ma i saldi valgono anche per gli acquisti online, sia dei marchi con sedi fisiche che quelli soltanto e-commerce. Un esempio è il famoso Amazon Prima Day che si terrà martedì 11 e mercoledì 12 luglio.

Impostazioni privacy